Prima che venga definito il ricorso pendente innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale, Questura e Prefettura possono in autotutela dare licenze prima negate o revocate, su apposite istanze della difesa e non solo.

DOMANDA: “Avvocato mi rivolgo al vostro studio legale per chiedere una informazione. Se presento un ricorso al TAR, la Questura e la Prefettura possono tornare indietro e concedermi la licenza e togliere il divieto prima che finisce la causa? “

La risposta è si.

Ci spieghiamo meglio.

Se lei propone ed esempio un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale avverso la revoca di una licenza, un divieto di detenzione armi, oppure il mancato rilascio o rinnovo della licenza, può contemporaneamente presentare anche istanza di annullamento in autotutela.

Una volta presentato il ricorso, ad esempio la Questura e/o anche la Prefettura a seguito della presentazione di una nuova istanza in autotutela, può annullare il precedente provvedimento di revoca, diniego, mancato rinnovo ecc. ecc. .

Come per dire, la Questura nelle more del ricorso al TAR e a seguito di una istanza inoltrata dal difensore, può cambiare idea, tornare sui propri passi e concedere ciò che in precedenza aveva negato o revocato, lo stesso dicasi per i provvedimenti di competenza delle Prefetture.

Ci sono casi in cui Questure e Prefetture, si sono fatte parte diligente e hanno risolto le questioni oggetto di ricorsi al TAR, prima della sentenza, cioè provvedendo su quanto richiesto legittimamente dall’istante tramite il difensore.

In tali casi, se è stato depositato il ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale, prima che il tribunale emetta la sentenza, il difensore può presentare una istanza, chiedendo la cessazione della materia del contendere.

Casi analoghi se ne sono verificati tanti, non ultimo con la sentenza del 6710/2022 del TAR Roma Lazio che ha dichiarato cessata la materia del contendere, prendendo atto che l’Amministrazione aveva cambiato idea sulla posizione del richiedente in base ad una apposita istanza.

In tali casi di autotutela in corso di causa le Questure hanno rilasciato licenze e/o le Prefetture hanno rimosso i divieti o dato quant’altro di loro competenza prima della sentenza.

Conclusioni: prima che i giudici del Tribunale Amministrativo decidano con sentenza, l’Amministrazione può nelle more del ricorso, annullare in autotutela, ciò che prima aveva negato o revocato.

In tali casi quindi, se il ricorrente ha ottenuto ciò che ha legittimamente richiesto può rinunciare al ricorso per cessata materia del contendere.

CHIAMA LO STUDIO PER UNA CONSULENZA

Tel. 051/4198694

Cellulare 3760953794 WhatsApp 3760953794

Cellulare 3387187783 WhatsApp 3387187783

Emailstudiolegale@avvocatoarmiecaccia.it

Avv. Sassano

Di Avv. Sassano

Avv. Sassano Costantino Valentino, laureato in Giurisprudenza presso L' Alma Mater Studiorum UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BOLOGNA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *